Author Archives: EmyTrustee

Borse di studio sul diritto dei trust

Sono state istituite Borse di studio sul Diritto dei Trust, ad opera dell’Associazione “Il trust in Italia” www.il-trust-in.italia.it in collaborazione del Consorzio Interuniversitario in campo giuridico UNIFORMA www.sfidaglobalizzazione.unige.it.

Le borse sono le seguenti:

Due borse annuali di ricerca ciascuna delle quali comprende: l’iscrizione annuale al Master sul diritto dei trust, anno accademico 2017/2018, ed € 6.000,00 lordi, corrisposti in quattro rate trimestrali.

Due borse di tirocinio professionale da utilizzare frequentando studi professionali operativi in materia di trust o trust compaines per la durata di mesi 6. L’importo di ciascuna borsa è di € 1.500,00 lordi, corrisposti in tre rate bimestrali.

L’Associazione rende poi noto che il Consorzio Uniforma ha bandito la seguente Borsa di studio:

Borsa annuale di perfezionamento riservata ai laureati dell’Università di Genova che propongono un programma di ricerca su un tema del diritto del trust. Importo della borsa € 14.000,00 lordi.

Per informazioni: 06.8070853

Termine di scadenza di presentazione delle domande: 31 ottobre 2017

ad 30  Locandina borse Associazione
ad 30  Comunicato stampa Borse diritto trust
ad 30  BANDO 2017 Associazione 19-09-17

Trust e normativa fiscale

Giovedì 15 giugno 2017 presso la sede di Cremona della Nexus STP (Corso Vittorio Emanuele II n.44) si terrà un convegno su “Il diritto dei Trust”.

Tra i relatori ci sarà anche il dott. Salvatore Tramontano che affronterà il tema della normativa fiscale del Trust.

Il Trust: una nuova soluzione per il dopo di noi

L’Osservatorio Nazionale sul Diritto di Famiglia insieme all’Associazione Genovese Amministratori di Sostegno ha organizzato per il prossimo venerdì 31 marzo 2017, un importante incontro sul tema “Dopo di noi”.

Il convegno intitolato “Il Trust: una nuova soluzione per il dopo di noi” si terrà presso il Centro di Cultura, Formazione ed Attività Forensi di Genova.

All’evento interverranno diversi professionisti specializzati in materia, tra cui l’Amministratore Unico della Emy Trustee nonché Consigliere Odcec di Napoli, il dott. Salvatore Tramontano.

ad 30convegno Trust Genova 31 03 2017

Un trust per i terremotati di Amatrice

Tra Genova (dove è registrato) e Trani è nato nei giorni scorsi il primo “trust­onlus” rivolto a reperire fondi per i terremotati di agosto. Lo hanno ideato due professionisti ­ Giuseppe Lepore e Nunzio Dario Latrofa ­ convinti che questa formula, accettata dalla Dre di Genova dopo un lungo dibattito, sia il futuro delle iniziative caritatevoli per emergenze. Il “Trust Taa” per il quale i professionisti e altri contributor lavorano gratis, raccoglie donazioni in ogni forma, le pubblica su un sito con controllo in tempo reale per il singolo donatore e per il pubblico su afflussi e destinazione dei fondi. «È un primo passo verso una nuova forma di solidarietà, del tutto trasparente, tracciata e controllata» dicono i fondatori.

Tratto da “Il Sole 24 Ore” del 26 gennaio 2017

Tramontano Consigliere Odcec di Napoli

L’amministratore Unico della Emy Trustee, il dottor Salvatore Tramontano con 1117 voti validi  viene eletto consigliere dell’Ordine dei Dottori dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli.

Le elezioni si sono svolte regolarmente nei giorni 3 e 4 novembre coordinate dal  Segretario del Consiglio Nazionale Achille Coppola nelle funzioni di Presidente del Seggio. Al termine dell’operazioni di scrutinio si è appresa la composizione del nuovo consiglio che avrà una forte componente “rosa”, potendo contare su un terzo di donne elette. Questi i componenti: Mariano Bruno, Matteo De Lise, Rosario Lazzarini, Mario Michelino, Carmen Padula, Arcangelo Sessa, Liliana Speranza, Eraldo Turi, Immacolata Vasaturo, Pier Luigi Vitelli, Fortuna Zinno, Concetta Riccio, Vincenzo Tiby, Salvatore Tramontano. Vincenzo Moretta è stato confermato presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli per il prossimo quadriennio.

Tassazione al trasferimento finale

La Corte di Cassazione torna sul tema della tassazione indiretta del trust.

Nella sentenza n.21614 depositata il 26 ottobre 2016,  si smentisce non solo l’impostazione adottata dall’Agenzia delle Entrate, ma anche il precedente orientamento adottato dalla stessa Corte in alcune pronunce del 2015 e del 2016.

Il trust “autodichiarato”, in cui sono conferiti immobili e partecipazioni, sconta alla sua costituzione le sole imposte ipotecaria e catastale fisse. Non si applica la tassazione proporzionale, non determinandosi in quel momento alcun trasferimento di beni e diritti.

Le imposte proporzionali sul trasferimento saranno, invece, dovute solo nel momento in cui il trust sarà effettivamente realizzato, ossia quando i beni vincolati oggetto del trust saranno trasferiti dal trustee ai beneficiari designati.

ad 30cassazione-sentenza-n-21614-2016

L’imposta di donazione non è dovuta

La Commissione Tributaria Regionale della Lombardia con la sentenza 2845/2016 depositata il 13 maggio 2016, sconfessa le pronunce della Corte di Cassazione (sentenze di febbraio e marzo 2015) che sono giunte a configurare l’imposta sulla costituzione di vincoli di destinazione come una “nuova” imposta fondata sul mero presupposto della segregazione. I giudici milanesi, asseriscono che, nel caso specifico di un trust con finalità liquidatorie, la dotazione dei beni in trust non determina alcun presupposto per l’applicazione dell’imposta sulle successioni e donazioni. È risultato quindi corretto l’operato del notaio che ha assoggettato l’atto alle imposte di bollo, ipotecaria e catastale in misura fissa non essendo dovuta l’imposta di donazione proporzionale dell’8%.
L’argomentazione della sentenza parte dal presupposto che il beneficiario è titolare di una mera aspettativa giuridica. Solo successivamente e coerentemente con l’istituto, quando il trustee, avendo realizzato il programma indicato dai disponenti con l’atto di trust, attribuirà il trustfund al beneficiario sarà valutato il presupposto impositivo.

ad 30CTR Lombardia 2845-2016

Il diritto dei Trust

A Napoli presso la sede dell’ODCEC si terrà, da maggio a luglio 2016, il corso teorico professionale “Il Diritto dei Trust”. Il corso è suddiviso in 9 moduli per un totale di 38 ore di didattica in cui si affronteranno diversi argomenti e problematiche. La direzione scientifica del master è affidata al Presidente dell’Associazione “Il trust in Italia” ovvero al professore Maurizio Lupoi. Tra i docenti sono presenti diversi esperti in materia tra cui la dottoressa Clelia Buccico, l’avvocato Annapaola Tonelli, il notaio Luca Di Lorenzo e non poteva mancare l’amministratore unico della Emy Trustee nonché Presidente della Fondazione ODCEC Napoli, il dottor Salvatore Tramontano; il quale approfondirà gli aspetti tributari e analizzerà il Trust di famiglia.

ad 30locandina – Il diritto dei trust

Tassazione dei trust, la Cassazione apre le porte alla svolta

Secondo la  sentenza della Cassazione n. 25480 un trust non sconta l’imposta proporzionale di registro né le imposte proporzionali ipotecaria e catastale, che sono pertanto dovute nella sola misura fissa.
La Cassazione, in particolare, afferma che è illogico applicare subito le imposte proporzionali, visto che non c’è trasferimento di ricchezza a favore di alcuno. Le imposte ipotecaria e catastale saranno dovute in misura proporzionale soltanto al momento del trasferimento finale dei beni ai beneficiari.

La n. 25480 è la terza sentenza che segue questo orientamento infatti anche nella sentenza n. 25478 e nella n. 25479 si afferma l’errata pretesa da parte dell’amministrazione finanziaria delle imposte proporzionali in relazione ad un atto di dotazione di trust.
E’ vero che queste sentenze si riferiscono tutte a trusts stipulati prima dell’entrata in vigore del d.l. 262/06, che ha re-introdotto le imposte di successione e donazione, ma non vi è alcuna ragione per non applicare gli stessi principi affermati dalla Corte anche ai trusts istituiti dopo l’entrata in vigore del d.l. 262/06.
Questi ultimi hanno infatti le stesse caratteristiche di quelli istituiti prima e le norme in materia di imposte ipotecaria e catastale sono rimaste immutate.
Non una, ma ben tre sentenze che affermano i medesimi principi non possono considerarsi casi isolati, ma espressione di un orientamento che ambisce a divenire consolidato, di cui l’amministrazione finanziaria dovrà prendere atto, emanando apposite istruzioni agli uffici locali e ritirandosi dalle tante controversie tuttora pendenti.

ad 30Cassazione – sentenza n.25480-2015

Cassazione: errata pretesa le imposte indirette proporzionali

La Cassazione nella sentenza n. 25478 del 18/12/2015 affronta la delicata questione dei rapporti fiscali del trust. La Corte rigetta il ricorso dell’Agenzia delle Entrate considerando errata la pretesa circa le imposte indirette in misura proporzionale. L’errore sta nel fatto di considerare il trust immediatamente produttivo degli effetti traslativi finali che costituiscono il presupposto dell’imposta. La sentenza della cassazione ha affermato che  la costituzione di un trust a titolo gratuito, espressione di liberalità, non è soggetta, secondo il regime “ratione temporis” vigente in epoca anteriore al 3 ottobre 2006, alle imposte indirette sui trasferimenti in misura proporzionale, atteso che il trasferimento dei beni al trustee, avendo natura transitoria, non esprime alcuna capacità contributiva, sicché il presupposto d’imposta si manifesta solo con l’attribuzione definitiva dei beni dal  trustee  al beneficiario.

ad 30Cassazione – sentenza n.25478-2015

Trust, Passaggio Generazionale d’Impresa e tutela del Patrimonio

Trust, Passaggio Generazionale d’Impresa e tutela del Patrimonio sono i temi dell’incontro di approfondimento che si terrà martedì 3 novembre 2015 presso la sede dell’Api, Associazione Piccole e Medie Industrie del Friuli Venezia Giulia – Confapi FVG.

Si analizzerà il Trust sotto il profilo giudico e operativo, sottolineando i possibili utilizzi per la salvaguardia del patrimonio aziendale; i patti di famiglia, quale opzione alternativa per garantire il trasferimento in vita dell’azienda di famiglia.

Relatori dell’incontro saranno: Annapaola Tonelli (Avvovcato in Bologna) e Salvatore Tramontano (Dottore commercialista in Napoli – Amministratore Unico Emy Trustee srl).

ad 30CONFAPI FVG Trust 3 novembre 2015

Legge di Stabilità 2016

La Legge di Stabilità 2016, approvata dal Governo nel CdM del 15 Ottobre (con successiva firma del Presidente della Repubblica) prevede misure che focalizzano su pensioni (part-time con contributi figurativi pieni, settima salvaguardia esodati ed estensione della Opzione Donna per tutto il 2015), IMU-TASI (abolizione imposta sulla prima casa, sui terreni agricoli e sugli imbullonati), sgravi IRAP agricola, taglio IRES (una prima riduzione per le imprese nel 2016 ed un secondo sgravio nel 2017), rinnovo (a budget dimezzato) assunzioni agevolate a tempo indeterminato (decontribuzione per i datori di lavoro), innalzamento del tetto al contante (da mille a tremila euro), sconti fiscali legati al salario di produttività. Trova spazio anche il sostegno ai più deboli. Sono stati previsti 90 milioni nel 2016 per la Legge sul “Dopo di noi” per sostenere persone con disabilità al venir meno dei familiari. Si prevede inoltre l’incremento dello stanziamento del Fondo per le non autosufficienze per un totale di 400 milioni di euro.  E’ un risultato storico poiché per la prima volta nella storia c’è un capitolo di bilancio sul Dopo di noi.

ad 30Legge di stabilità 2016 – Comunicato stampa

“Trustee all’Opera” prosegue

Nuovo appuntamento dedicato al tema del trust.

Prosegue il seminario organizzato dall’associazione “Il trust in Italia”, il prossimo 23 ottobre si terrà a Roma la seconda sessione del seminario “Trustee all’Opera”.

Nuovo momento di confronto su fatti ed accadimenti che hanno interessato alcuni atti di trust. Uno spaccato di vita e di storie in cui l’attività dei trustee si interseca con quella dei professionisti. Il taglio pratico del seminario e gli ampi spazi per la discussione, rendono  il seminario un luogo ideale per il confronto e la crescita di ogni professionista.

La seconda sessione del seminario, così come la prima, si terrà in Via Veneto nc.21 presso la sala conferenze de “I Cappuccini” dalle 10.30 alle 18.00.

La terza ed ultima sessione è fissata per venerdì 11 dicembre.

ad 30 programma del Seminario

La legge per il “Dopo di noi”

E’ stato annunciato lo stanziamento di risorse per il provvedimento che riguarda le persone disabili gravi senza sostegno familiare: arriveranno nella Legge di Stabilità.

La legge per il Dopo di noi, approvata dalla commissione Affari sociali della Camera, ora in attesa del voto finale dell’aula e di passare poi al Senato, prevede misure di assistenza e tutela della persona con disabilità, successivamente alla morte dei genitori, sulla base di un “progetto individuale” e in sinergia con associazioni del terzo settore, regioni ed enti locali. Tra le questioni fondamentali, il supporto alla domiciliarità in residenze o gruppi di appartamenti. Nello specifico, la legge prevede forme di detrazione fiscale per le polizze assicurative che tutelino le persone disabili e agevolazioni tributarie per la costituzione di “trust” che permettano ai genitori di trasferire beni mobili o immobili ad un “trustee”, vincolandoli al sostegno della persona disabile. La legge inoltre istituisce, presso il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, un fondo di 190 milioni per il triennio 2016-2018 e stanzia 116 milioni per la copertura delle polizze assicurative e delle agevolazioni per i trust.

Trust, ipocatastali fisse anche dopo le ordinanze della Cassazione

La CTP di Treviso, con la sentenza n.379 del 28 aprile 2015, con riferimento al trasferimento dei beni immobili in Trust,  uniformandosi a quanto già più volte affermato in precedenti pronunce giurisprudenziali di primo e secondo grado, ha dichiarato illegittima la richiesta da parte dell’Agenzia delle Entrate relativamente al pagamento in misura proporzionale delle imposte ipotecarie e catastali.

L’intervento non può essere banalmente valutato come un ulteriore caso da aggiungere ad una lista ormai corposa di tali precedenti, ma assume un significato particolare in considerazione del fatto che la stessa esce dopo le sentenze di febbraio della Cassazione (n. 3735 – 3737 – 3886), le quali affermano che il trust deve essere tassato con l’applicazione dell’imposta sulle successioni e donazioni e le imposte ipotecarie e catastali proporzionali, all’atto della sua costituzione, anche se, in tale momento, non si verifica alcun trasferimento effettivo dei beni in capo ai beneficiari.

ad 30CTP Treviso Sentenza n.379-09-2015