Pianificazione del passaggio generazionale aziendale

Il Trust quale strumento di pianificazione del passaggio generazionale aziendale

Il passaggio generazionale aziendale è un processo estremamente importante e delicato, che ha ripercussioni notevoli sia nella sfera aziendale che in quella familiare.

Le esigenze solitamente avvertite dall’imprenditore sono così riassumibili: 1) scelta tra chi, tra gli eredi sarà il vero continuatore dell’azienda di famiglia; 2) tutela dell’integrità del patrimonio aziendale nei confronti dei soggetti terzi o componenti indesiderati della famiglia; 3) mantenimento del controllo da parte del fondatore fino alla sua morte; 4) continuità nella politica di gestione dell’azienda; 5) prevenzione dei contrasti tra i giovani; 6) impedire che i figli e i nipoti dispongano individualmente dei propri interessi ponendoli a rischio per vicende economiche personali.

Nell’istituzione di un trust per il passaggio generazionale dell’impresa, viene affidata al Trustee la gestione della proprietà dell’impresa e questo permette di mantenere l’unità degli assetti proprietari. Nel caso in cui oggetto del Trust siano le sole partecipazioni societarie, di continuare ad affidare agli amministratori in carica la gestione senza incorrere in alcuna discontinuità nella politica aziendale. I beneficiari saranno lo stesso imprenditore e i suoi familiari per quanto concerne le rendite, per quanto riguarda invece l’attribuzione finale dei beni, i suoi discendenti in ragione di ciò che è stabilito nell’atto istitutivo di Trust.

Il Trust è dunque lo strumento in grado di soddisfare tutte le esigenze dell’imprenditore grazie alla sua capacità di dare unità alla titolarità delle partecipazioni, di regolamentare le modalità di gestione e l’esercizio dei diritti sociali ed inoltre blindare il patrimonio sottoposto al Trust rispetto alle vicende economiche individuali.